the-knick-seconda-stagione

Qualche nota sulla seconda stagione di The Knick

La prima stagione di The Knick si era conclusa con un’inquadratura più eloquente di qualsiasi dialogo: il chirurgo più abile e più cocainomane di New York, il rispettabile (una volta, forse) Dr. John Thackery, è su un letto in un primordiale centro di recupero per tossicodipendenti, in preda alle convulsioni. Il suo volto, sullo sfondo ma ravvicinato e schiacciato davanti ai nostri occhi grazie al … Continua a leggere Qualche nota sulla seconda stagione di The Knick

Vota:

The Knick #7 – #8

the-knick-astinenza-thackery
No, non è un attacco di colite.

L’ultimo episodio di The Knick ci aveva lasciati con un dubbio: sarà sincera la stima che Thackery sembra aver finalmente esplicitato verso Edwards, dopo aver scoperto il suo regno sotterraneo e il suo aspiratore? La settima puntata sembra rispondere che sì, Thack vuole davvero considerare Edwards un suo pari. Non ne abbiamo la certezza, visto il razzismo – forse sarebbe meglio parlare di opportunismo o conformismo – che ha spesso mostrato, ma possiamo dedurlo da quello che i due riescono a combinare. Continua a leggere “The Knick #7 – #8”

The Knick #5 – #6

the-knick-5-6La quinta puntata di The Knick prosegue con i difetti che erano emersi nelle ultime due: ritmo un po’ blando, ripetitività delle situazioni – quello che ci interessa non è un campionario medico di tutte le operazioni più sanguinolente possibili, che entusiasma per la prima o la seconda volta – e nessuna scossa violenta che aumenti sul serio la tensione. Poche le novità: una è l’introduzione dei raggi X, che ora l’ospedale deve trovare il modo di pagare e gli sceneggiatori la maniera di rendere una spina nel fianco dei personaggi. Edwards, nel frattempo, espande ancora la rete dei suoi pazienti e si rende sempre più gigante del suo Kinckbrockers sotterraneo, e ci regala il secondo e ultimo momento emozionante della puntata: un nuovo metodo per operare un’ernia inguinale, proabile biglietto da visita per un suo ingresso ufficiale ai piani terra – non parliamo di quelli alti – dell’ospedale. Per non rendercelo troppo vincente, arriva puntuale la sua sconfitta: Thackery si prende cura di sua madre – roba di poco conto – prima che lui riesca ad arrivarci, con una decisione in contrasto con quella che Edwards avrebbe preso e che, per una volta, è più pertinente della sua. Una cosa che Thackery non sa fare, però, esiste: andare in bicicletta, pretesto realistico per allestire un’altro momento UST (Unsovled Sexual Tension) con la tanto carina miss Elkins. Continua a leggere “The Knick #5 – #6”