400 colpi (di tastiera) #23 – The Getaway (Sam Peckinpah, 1972)

Voglio uscire dal carcere un po’ prima di quanto la mia pena mi consenta: difficile. Ho una bella fidanzata: forse. Mi chiamo Steve McQueen e sono in un film di Sam Peckinpah: possibile. Devo fare una rapina per conto di un pezzo grosso, rischiando di morire, e di tutto questo mi ricordo con un ponte sonoro, un freeze frame, un flashback non annunciato. Fantastico. Tarantino … Continua a leggere 400 colpi (di tastiera) #23 – The Getaway (Sam Peckinpah, 1972)

Vota:

cane-di-paglia-peckinpah-recensione

Cane di paglia (Straw dogs) – Sam Peckinpah, 1971

David (Dustin Hoffman), professore di matematica americano, riceve un assegno di ricerca e si trasferisce in Cornovaglia, dove pensa che potrà condurre i suoi studi nella tranquillità della brughiera e lontano dal caos delle metropoli statunitensi. Va a vivere con la sua moglie inglese, Amy (Susan George), che sa bene cosa voglia dire vivere in un paese grande quanto il suo bar più frequentato, dove gli abitanti sono per la maggior parte operai ubriaconi, preti tanto bravi coi giochi di prestigio ma che non brillano per la conoscenza della Bibbia, uomini di legge dal passato ambiguo che può spedirli nella fossa.

Sarebbero solo due forestieri, David e Amy, guardati con sospetto e poco più, se lei non fosse tanto carina, un po’ civetta e molto ambita dai cervelli più piccoli e violenti del villaggio: quegli straw dogs del titolo originale, che meriterebbe un saggio a parte solo per approfondirne l’interpretazione nelle sue sfumature semantiche. Continua a leggere “Cane di paglia (Straw dogs) – Sam Peckinpah, 1971”