il-labirinto-del-silenzio-recensione-locandina

Il labirinto del silenzio – Giulio Ricciarelli, 2014 – Recensione

Ricciarelli, 50 anni e figlio di immigrati italiani, è bravo a raccontare qualcosa che “nessuno ha visto” senza farcela vedere. Possiamo solo guardare – da lontano – registri e faldoni pieni di nomi, inchiostro, memoria collettiva che finalmente si mette al servizio della società. Scrive un altro scampolo di Storia, dimostrando che non conta che “tutti erano nazisti, non avevano scelta”. Pagheranno. Continua a leggere Il labirinto del silenzio – Giulio Ricciarelli, 2014 – Recensione

Vota:

storia-di-una-ladra-di-libri-locandina

Storia di una ladra di libri – Brian Percival , 2014

Storia di una ladra di libri è un titolo fuorviante, perché non è il furto il fulcro della vicenda. Si fatica, anzi, a trovare il nucleo di questa storia: qual è la ragione ultima che spinge la protagonista ad agire? Qual è il suo obiettivo? Ecco perché questo film lascia insoddisfatti: perché manca una chiara direzione di marcia, perché oscilla da una parte all’altra alla ricerca della propria identità, senza trovarla. Eppure le premesse sono buone, e verso la metà della proiezione qualcosa sembra muoversi: Lisel è una bambina, figlia di comunisti, trasferita in una famiglia tedesca costretta a nascondere un ragazzo ebreo nello scantinato. Questo potenziale, però, non è sfruttato a dovere. Solo qualche timida minaccia, le avvisaglie di conseguenze che non si verificano. Continua a leggere “Storia di una ladra di libri – Brian Percival , 2014”