the-zero-theorem-recensione

The Zero Theorem, recensione – Terry Gilliam, 2013

Il senso della storia raccontata in The Zero Theorem è tutto in una battuta che il “Management” (Matt Damon) rifila sprezzante al protagoista Qoen Leth (Christoph Waltz): gli rimprovera infatti di aver vissuto un presente insignificante in attesa di un futuro improbabile, di una fantomatica chiamata che più Qoen aspetta più invecchia dentro e più si aliena dal mondo. Il risultato di questa frustrazione? Abdicare … Continua a leggere The Zero Theorem, recensione – Terry Gilliam, 2013

Vota:

un-posto-sicuro-recensione-locandina

Un posto sicuro – Francesco Ghiaccio, 2015 – Recensione

Luca è nato e cresciuto a Casale Monferrato ma non sa che cosa ha reso tragicamente celebre la sua cittadina negli ultimi decenni: l’Eternit, l’amianto, i tumori provocati agli operai di quella fabbrica e i processi prescritti. Si guadagna da vivere facendo il pagliaccio alle feste, come dice con l’amarezza di chi ha provato a fare l’attore ma ha mollato forse troppo presto. Eduardo, suo … Continua a leggere Un posto sicuro – Francesco Ghiaccio, 2015 – Recensione

Vota:

Killer Joe – William Friedkin, 2011

Ci è voluto quasi un anno perchè Killer Joe trovasse un distributore italiano e ci è voluta quasi mezz’ora perchè il film partisse in sala – problemi col digitale. Nel momento in cui è partito, però, è cominciato anche un breve riepilogo di tutto quello che ci si vorrebbe aspettare da un lavoro diretto William Friedkin (thriller, inseguimenti indicibili, personaggi al di sopra delle storie … Continua a leggere Killer Joe – William Friedkin, 2011

Vota:

C’era una volta in Anatolia – Nuri Bilge Ceylan, 2011

C’era una volta… zzz…

Noioso, stremante, annacquato sono gli aggettivi più adatti per questo film, Grand Prix al Festival di Cannes 2011: guardandolo, per ben 157′, si ha l’impressione che il regista abbia voluto sfidare lo spettatore (perchè mai?) in una maratona senza nemmeno dargli dell’acqua; in una gara di sci di fondo senza neve sul terreno; in una partita di ping pong in mezzo a una tromba d’aria: non c’e speranza di uscirne vincenti, e spesso nemmeno di uscirne vivi. Continua a leggere “C’era una volta in Anatolia – Nuri Bilge Ceylan, 2011”