escobar-paradise-lost-recensione

Escobar. Paradise lost – Andrea Di Stefano, 2014

Di chi è la colpa se quel paradiso di surfisti yankee, che Andrea di Stefano ci racconta nella prima mezz’ora del film, è diventato perduto? Di tutti i complici, in generale, ma in particolare di chi ha acceso la miccia: Pablo Escobar, re Mida capace di trasformare una foglia di coca in milioni di dollari, consenso popolare volontario, consenso politico forzato ma soprattutto sangue. Parecchio. … Continua a leggere Escobar. Paradise lost – Andrea Di Stefano, 2014

Vota:

lettere-da-uno-sconosciuto-recensione

400 blows #95 – Coming Home (Zhang Yimou, 2014)

Lettere da uno sconosciuto, l’amore di una vita che è diventato estraneo dopo anni e anni di lontananza. Come si può essere di nuovo riconosciuti e di nuovo amati, dopo che la propria famiglia ha perso qualsiasi identità? Come in tutte le storie che Zhang Yimou racconta o adatta per il cinema, anche Lettere da uno sconosciuto rende il pubblico un affare privato: doloroso, (ir)reversibile, … Continua a leggere 400 blows #95 – Coming Home (Zhang Yimou, 2014)

Vota:

lo_stato_contro_fritz_bauer_recensione

Lo Stato contro Fritz Bauer, recensione – Lars Kraume, 2015

A distanza di pochi mesi l’uno dall’altro, escono al cinema due film che raccontano il nazismo dopo, dall’interno. Nessuna divisa, nessuna guerra calda e il regime è già stato sconfitto, in apparenza. Il primo è Il labirinto del silenzio, il cui protagonista è Johann Radmann, pubblico ministero tra i sottoposti di Fritz Bauer. Il secondo, invece, è Lo stato contro Fritz Bauer, quest’ultimo ora protagonista … Continua a leggere Lo Stato contro Fritz Bauer, recensione – Lars Kraume, 2015

Vota: