Zatoichi is very much the samurai equivalent of Charlie Chaplin’s Little Tramp.

Zatoichi – Takeshi Kitano, 2003

Lo zatoichi è un massaggiatore cieco, giocatore (a là Dostoevskij) e spadaccino, che attraversa la narrativa giapponese partendo dalla penna di Kan Shimozawa e ritrovandosi in una serie lunghissima di film e serie tv nipponiche. Una saga seconda forse solo a Sentieri.

L’omonimo film di Takeshi Kitano s’inserisce in questo sentiero, appunto: il regista rimane ancorato alla tradizione narrativa, e tinge (a partire dal colore dei capelli del protagonista) la storia con i tratti peculiari del suo stile: racconti elegiaci, delicati, alternati a schizzi di violenza volutamente sopra le righe, un po’ come se Ozu e Kurosawa soggiornassero sullo stesso divano, a distanza di pochi secondi l’uno dall’altro. Nota: a dire il vero, anche questo Zatoichi aveva caratteristiche simili, chioma bionda a parte.

La storia che ci racconta Kitano, comunque, è avvincente sia per il pubblico medio occidentale sia per quello orientale: Zatoichi è un po’ come Robin Hood, protegge gli ultimi dai prepotenti, che in questo caso sono le famiglie della Yakuza (mafia giapponese). Anche quegli ultimi fratello e sorella che covano vendetta da oltre dieci anni, quando la loro famiglia è stata sterminata da una gang che, guarda caso, adesso è la più potente di tutto il villaggio. Il bello di Zatoichi, però, non è tanto la rabbia con cui accompagniamo la vendetta degli ultimi, la maestria nel maneggiare la spada, enfatizzata dalla cecità (sic), ma è il fatto che Kitano parte da lontanissimo. Episodi apparentemente scollegati, microstorie autoconclusive che sembrano non approdare da nessuna parte, finché all’improvviso tutto diventa chiaro – grazie a un montaggio parallelo davvero necessario per raccontare un legame fraterno che il tempo salda sempre di più.

Citando a memoria le ultime righe di questo articolo,seppur riferite allo Zatoichi di Shintaro Katsu: Zatoichi is very much the samurai equivalent of Charlie Chaplin’s Little Tramp.

Commenti? :)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...