rendez-vous-techine-recensione

400 blows #109 – Rendez-vous (André Téchiné, 1985)

Una serie di incontri fortuiti, dove ognuno potrebbe essere quello più importante, si trasforma nell’unica e tormentata ragione di vita di un’aspirante attrice (Juliette Binoche, prima che si rifacesse i denti. Che carina!). C’è l’amante bruto e irresistibile, il bravo ragazzo confinato nella friendzone, l’uomo navigato e misterioso (Jean-Louis Trintignant) che proverà a salvarla da se stessa. E poi c’è lei, Nina, Giulietta, infelice. Diana, ma soltanto un po’.

Some casual rendezvous became the only and painful reason for Nina to live (she is Juliette Binoche before she had a teeth job – soc cute!). Every rendezvous could be the most important one: the tough and fascinating lover, the good and friendzoned boy, the mature and mysterious man (Jean-Louis Trintignant) who will try to save her from herself. And then there she is, Nina, Juliet, unhappy. Diana, just a little bit.

Rendez-vous, in 400 blows

Commenti? :)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...