Kreuzweg-Le-stazioni-della-fede-recensione

Kreuzweg – Le stazioni della fede – Dietrich Bruggemann, 2014 – Recensione

Kreuzweg vuol dire via crucis. La traduzione italiana lo sottotitola Le stazioni della fede ma per quanto sia grottesca e involontariamente comica, questa dicitura si addice perfettamente allo spirito del film. E noi ci accordiamo senza esitare alle intenzioni narrative del regista, condividiamo la sua visione del mondo che condanna i fondamentalismi religiosi – e non c’è bisogno di bombe e teste mozzate per riconoscere un integralista. La protagonista del film, Maria – naturalmente – lo sa bene: la sua vita è scandita da una serie di tappe che ricalcano fedelmente quelle della passione di Cristo, il suo rapporto con la fede, con la società, la gente. Se già è complesso per una persona adulta intraprendere un percorso – non sapremo mai quanto volontario, certamente poco razionale – di rinunce e mortificazioni, di sofferenza, possiamo immaginare quanto lo sia per una bambina, indottrinata e usata per la becera soddisfazione dell’esercizio di un potere da parte di sua madre e dal prete della chiesa estremista di cui fa parte. Una di quelle ferme ancor prima del Concilio Vaticano II, per le quali bisognerebbe evitare di bere acqua e respirare per dimostrare al Signore quanto è forte il proprio animo e quanto si è disposti a sacrificarsi per lui.

kreuzweg-recensione-1

Scegliere proprio una bambina, che non può comprendere ancora fino in fondo il valore dei propri gesti, delle proprie scelte, è un’idea felice: Bruggemann ha così l’opportunità di dimostrare la violenza con cui certi dogmi sono inoculati nella testa di creature innocenti, che già da piccolisime vengono istruite a considerare la vita come un abaco usato da qualcun altro, una mano invisibile che loro possono solo restar fermi a guardare – ma come fanno a vederla, se è invisibile?

Maria ha un fratellino di quattro anni che non parla, forse autistico, una madre tiranna e un padre che le è succubo; non sa più dove sbattere la testa, stretta tra i desideri e le pulsioni di una neo-adolescente, le prescrizioni di un prete fanatico e i rimproveri umilianti e costanti proprio della madre, frustrata da qualcosa d’insondabile. Non ha scampo, come enfatizzato dalle inquadrature fisse, una per la durata di ogni sequenza e tappa del crocevia. Affonda sempre più velocemente nelle sabbie mobili della sua credenza, Maria, e ci resterà per sempre dal giorno della sua prima comunione in poi: il primo momento in cui la cinepresa si stacca dal cavalletto e l’accompagna verso la cima del suo Gòlgota.

kruezweg-recensione-2A nulla valgono i segnali impliciti ed evidenti che arrivano da due persone molto vicine a Maria. La prima è il suo compagno di scuola Christian, innamorato di lei, che – in antifrasi col suo nome – riesce a emanciparsi dal delirio di Maria e, forse da vero cristiano, vorrebbe davvero aiutare il suo prossimo. C’è poi Bernadette, la ragazza alla pari della famiglia: un altro nome pesante da portare sulle spalle ma che questa volta sarà spettatore di una sparizione, non di un’epifania. Una fine miserrima, ignorante, grottesca, che rasenta l’omicidio involontario ma perpetrato a lungo.

Non c’è vincitore in questa storia: tutti sono sconfitti dal fanatismo che hanno contribuito ad alimentare, con la propria cocciutaggine o con la propria negligenza e paura. Che emerge in tutto il suo candore di fronte alla scienza.

Commenti? :)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...