Fury-ayer-recensione

400 colpi #55 – Fury (David Ayer, 2015)

La seconda guerra mondiale raccontata da un soldato americano, mediamente, ha una profondità concettuale che si esaurisce in “FUCKING NAZI!”. Ebbene, anche in Fury ci sono gli haters dei fucking nazi, ma c’è soprattutto qualcos’altro: la constatazione che la guerra potrebbe non finire mai, il suo nonsense, la parsimonia e la discrezione con cui si racconta l’odio anti-crucco. Romanzo di formazione.

Fury, in 400 colpi

Un pensiero su “400 colpi #55 – Fury (David Ayer, 2015)

Commenti? :)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...