marrakech_express_diego_abatantuono_gabriele_salvatores

400 colpi / 400 blows # 64 – Marrakech Express (Gabriele Salvatores, 1989)

Quattro amici vanno a Marrakech per farne uscire un quinto di prigione: tutto sembra pronto. Una donna li guida e chiede loro trenta milioni come cauzione. Non si vedono da dieci anni ma un viaggio sgangherato aggiusta tanti screzi. C’è qualcosa che non li convince tutti, però… Tra i film più scanzonati e divertenti di Salvatores, spicca il nome del Premio Solinas come garante della … Continua a leggere 400 colpi / 400 blows # 64 – Marrakech Express (Gabriele Salvatores, 1989)

Vota:

man-of-straw-uomo-di-paglia-cinemastino

400 colpi / 400 blows #63 – L’uomo di paglia / A man of straw (Pietro Germi, 1958)

La paglia come s’infiamma si consuma e piange le sue ceneri, solo grigia memoria di ciò che è stato, che sarebbe potuto essere, che non sarà più. L’uomo di paglia di Germi, regista e sceneggiatore (molto bene) e attore protagonista (un po’ meno bene) osa tradire la moglie (una sigaretta e una rosa, come si tradiva nel cinematografo degli anni ’50) uccidendo lei, se stesso … Continua a leggere 400 colpi / 400 blows #63 – L’uomo di paglia / A man of straw (Pietro Germi, 1958)

Vota:

children-of-hiroshima-recensione

400 colpi / 400 blows #62 – Children of Hiroshima (Kaneto Shindo, 1952)

Children of Hiroshima: una maestra torna nella sua città natale e spera di trovare anora i propri ex alunni. Tutti interi, possibilmente, non un braccio qui e una ciocca di capelli là. E sperare di dare a qualcuno di loro un futuro migliore, strappandolo alle macerie della sua famiglia. Kaneto Shindo, forse peccando un po’ di lirismo, riesce comunque a sottintendere: fuck America! Children of … Continua a leggere 400 colpi / 400 blows #62 – Children of Hiroshima (Kaneto Shindo, 1952)

Vota:

gascoigne-film-recensione

400 colpi # 61 – Gascoigne (Jane Preston, 2015)

Gazza, che per una volta non è ladra ma vittima di quello che la vita le ha tolto (ci ha messo del suo, certo). Paul Gascoigne è stato uno tra i più talentuosi e sregolati calciatori inglesi: fisico, tecnica, lingua lunga, infortuni, paranoie, ironia, lacrime, soldi. Ha collezionato più sconfitte che vittorie, eppure è arrivato. Ed è ancora vivo. George Best sarebbe orgoglioso di lui, … Continua a leggere 400 colpi # 61 – Gascoigne (Jane Preston, 2015)

Vota:

albert_diamante_magico_recensione_cinema4stelle

Albert e il diamante magico – Karsten Kiilerich, 2015

Albert è un ragazzino sveglio che vive una rocambolesca avventura, ritrova un amico e insegue un sogno. Tutto grazie all’aiuto di un magico diamante. Ma è davvero magico, questo diamante? Non sappiamo cosa pensare, di fronte al titolo Albert e il diamante magico. Anzi, lo sappiamo fin troppo bene: una scorretta, infelice, pigra e indegna trovata per trascinare bambini e genitori al seguito in sala, abbindolandoli con un titolo che tanto potrebbe acchiappare ma che è ugualmente convenzionale. Perché non esiste nessun diamante magico: è un comune gioiello nel furto del quale Albert e il suo migliore amico Egon vengono coinvolti da tre ladri, organizzati nel prevedibile schema capo cattivo e furbo più tirapiedi stupidi. Continua a leggere “Albert e il diamante magico – Karsten Kiilerich, 2015”