400 colpi #35 – Gli amanti crocifissi (Kenji Mizoguchi, 1954)

gli-amanti-crocifissi

C’è un simbolo, uno strumento di tortura che attraversa tranquillamente il globo da ovest a est: il crocifisso, su cui venivano appesi e lasciati morire gli amanti segreti nel Giappone del 1600. Kenji Mizoguchi ce lo racconta alla sua maniera, con un pathos tanto intenso quanto poco patetico (nel senso dispregiativo del termine), un rigore visivo e un occhio sempre vicinissimo alle sue creature.

Gli amanti crocifissi, in 400 colpi.

Commenti? :)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...