400 colpi #31 – Dietro lo specchio (Nicholas Ray, 1956)

dietro-lo-specchio-locandina

Ombre sui volti, in Technicolor. Un po’ di cortisone per guarire una grave infiammazione alle arterie, forse mortale, ma le ombre sui volti si allungano, si scuriscono. Nicholas Ray è un po’ come Hitchcock: riesce a scovare delle storie profonde ma un po’ in ombra, ancora, e renderle icastiche, memorabili. Discostandosi dalla vulgata comune hollywoodiana classica. Non troppo, stavolta. Purtroppo.

Dietro lo specchio (Bigger than life), in 400 colpi

Commenti? :)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...