400 colpi # 29 – Miele (Valeria Golino, 2013)

miele-locandina-recensione

Un angelo sterminatore pone fine alle vite di chi non vuole più continuare a sopportarsi. “Se la malattia è invisibile cos’è, infatti, un capriccio?”. Avaro di spettacolarizzazioni, Miele racconta una storia che tutti dovremmo ascoltare. Non siamo tenuti a condividerla (forse il cambiamento di lei è un po’ convenzionale) ma almeno a comprendere tutti i punti di vista messi sul piatto dalla regista.

Miele, in 400 colpi 29

Commenti? :)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...