12-anni-schiavo-locandina

400 colpi (di tastiera) #13 – 12 anni schiavo (Steve McQueen), 2014

Lavoratore onesto che ha la sfortuna di essere nato nero, viene ingannato da sedicenti imprenditori per essere poi venduto come schiavo, perdere qualsiasi contatto con la sua vecchia vita e sopportare, sopportare covando un rancore composto . Non perde mai la speranza, e seppur con qualche perdonabile sentimentalismo, ottiene la sua rivincita. Lo attende, adesso, la sua nuova e allargata famiglia. 12 anni schiavo, in … Continua a leggere 400 colpi (di tastiera) #13 – 12 anni schiavo (Steve McQueen), 2014

Vota:

storia-di-una-ladra-di-libri-locandina

Storia di una ladra di libri – Brian Percival , 2014

Storia di una ladra di libri è un titolo fuorviante, perché non è il furto il fulcro della vicenda. Si fatica, anzi, a trovare il nucleo di questa storia: qual è la ragione ultima che spinge la protagonista ad agire? Qual è il suo obiettivo? Ecco perché questo film lascia insoddisfatti: perché manca una chiara direzione di marcia, perché oscilla da una parte all’altra alla ricerca della propria identità, senza trovarla. Eppure le premesse sono buone, e verso la metà della proiezione qualcosa sembra muoversi: Lisel è una bambina, figlia di comunisti, trasferita in una famiglia tedesca costretta a nascondere un ragazzo ebreo nello scantinato. Questo potenziale, però, non è sfruttato a dovere. Solo qualche timida minaccia, le avvisaglie di conseguenze che non si verificano. Continua a leggere “Storia di una ladra di libri – Brian Percival , 2014”

The Knick #5 – #6

the-knick-5-6La quinta puntata di The Knick prosegue con i difetti che erano emersi nelle ultime due: ritmo un po’ blando, ripetitività delle situazioni – quello che ci interessa non è un campionario medico di tutte le operazioni più sanguinolente possibili, che entusiasma per la prima o la seconda volta – e nessuna scossa violenta che aumenti sul serio la tensione. Poche le novità: una è l’introduzione dei raggi X, che ora l’ospedale deve trovare il modo di pagare e gli sceneggiatori la maniera di rendere una spina nel fianco dei personaggi. Edwards, nel frattempo, espande ancora la rete dei suoi pazienti e si rende sempre più gigante del suo Kinckbrockers sotterraneo, e ci regala il secondo e ultimo momento emozionante della puntata: un nuovo metodo per operare un’ernia inguinale, proabile biglietto da visita per un suo ingresso ufficiale ai piani terra – non parliamo di quelli alti – dell’ospedale. Per non rendercelo troppo vincente, arriva puntuale la sua sconfitta: Thackery si prende cura di sua madre – roba di poco conto – prima che lui riesca ad arrivarci, con una decisione in contrasto con quella che Edwards avrebbe preso e che, per una volta, è più pertinente della sua. Una cosa che Thackery non sa fare, però, esiste: andare in bicicletta, pretesto realistico per allestire un’altro momento UST (Unsovled Sexual Tension) con la tanto carina miss Elkins. Continua a leggere “The Knick #5 – #6”

smetto-quando-voglio-locandina

Smetto quando voglio – Sydney Sibilia, 2014

Rischiava di essere una copia sbiadita e pecoreccia di Breaking Bad, primo modello dichiarato e ribadito anche dai personaggi. Non è stato così, forse perché Smetto quando voglio non scimmiotta o (peggio) imita ingenuamente le serie TV americane, ma guarda alle radici del proprio genere e lo aggiorna, seppur senza brillare per originalità: la storia è proprio quella di un uomo che comincia a produrre e spacciare droga per necessità, come fa Walter White. Continua a leggere “Smetto quando voglio – Sydney Sibilia, 2014”

l-evocazione-locandina

L’evocazione – James Wan, 2014

Una famiglia si trasferisce in una casa che, poco alla volta, scopre essere infestata da spiriti maligni. I genitori chiedono l’aiuto di due investigatori del paranormale per esorcizzarla, oscillando tra rituali e buoni sentimenti per sconfiggere i demoni che li ossessionano.

In estrema sintesi, questa è la trama dell’ultimo film di James Wan, a detta di alcuni entrato nella storia del cinema horror con il primo capitolo di Saw. Eppure la stessa sinossi potrebbe riferirsi alle tante pellicole incentrate su una casa maledetta: quelle che s’ispirano alla Casa, appunto, o al filone degli esorcismi. Continua a leggere “L’evocazione – James Wan, 2014”