Educazione siberiana – Gabriele Salvatores, 2013

Non è facile formulare un giudizio critico uniforme e deciso su un film come Educazione Siberiana, sicuramente a causa delle aspettative di cui lo si può aver caricato. Il regista, John Malkovich e il fatto che si abbia letto e apprezzato molto il libro possono sicuramente aver influito, nel bene e nel male. Nel bene perchè non è facile trarre una storia con una trama … Continua a leggere Educazione siberiana – Gabriele Salvatores, 2013

Vota:

La via del tabacco – Erskine Caldwell, 1932

Un fanatico, un bigotto o anche una persona con delle idee ancora quasi condivisibili, ma che tendono pericolosamente al fondamentalismo, si ritroverebbe con piacere in più di un personaggio de La via del tabacco, nitida e cruda fotografia di una tragedia familiare. Ogni componente della famiglia Lester, infatti, ha in sé qualcosa che lo caratterizza fortemente e lo imprime nella memoria, fosse anche solo per … Continua a leggere La via del tabacco – Erskine Caldwell, 1932

Vota:

Sabrina – Billy Wilder, 1954

C’è un motivo se Sabrina è tra le commedie romantiche e sofisticate più celebri, non troppo sdolcinate e cui si fa più spesso riferimento per inquadrare il genere. C’è lo zampino di Billy Wilder, eclettico emigrante austriaco e pioniere di un certo cinema americano che pochi registi, così integrati e prolifici nella macchina-Hollywood, hanno saputo condire con uno sguardo anche personale e non solo facilmente … Continua a leggere Sabrina – Billy Wilder, 1954

Vota:

Django Unchained – Quentin Tarantino, 2012

Sono passati tre anni ormai dal tanto acclamato Bastardi senza gloria. Loro, i bastardi, di gloria non ne hanno di certo avuta, ma il regista che li ha diretti invece ne ha avuta parecchia e del tutto meritata. Tarantino con la trilogia pulp ha fatto furore nei primi anni ‘90, divenendo icona incontrastata del cinema underground, nel quale poi si è identificata un’intera generazione. Violenza è la … Continua a leggere Django Unchained – Quentin Tarantino, 2012

Vota:

Zero Dark Thirty – Kathryn Bigelow, 2012

“Che ha fatto per noi, oltre a Bin Laden?”, domanda il segretario della difesa americano Leon Panetta (James Gandolfini) all’agente Maya (Jessica Chastain), sulle tracce del terrorista da oltre dieci anni. “Nient’altro, signore” risponde lei. Un buon motivo per pensare che dovrebbe essere un’ esperta, decisa, quasi ossessionata da questa caccia stoica. Eppure, all’inizio, quando le chiedono se si fosse offerta volontaria per interrogare tutte … Continua a leggere Zero Dark Thirty – Kathryn Bigelow, 2012

Vota: