La regola del silenzio – Robert Redford, 2012

"Shhh!"
“Shhh!”

Vedere Robert Redford in un thriller in cui c’è un giornalista alla ricerca della verità ricorda, per forza di cose, Tutti gli uomini del presidente: un tema caro all’attore e regista. Il giornalista è però Shia Labeuf (Ben Shepard), mentre Redford (Jim Grant) è l’oggetto dell’indagine: un ex pacifista radicale accusato di omicidio.

Grant, sfuggito una prima volta all’ FBI, da circa trent’anni vive sotto falso nome e fa l’avvocato ad Albany, New York. La tranquillità cui si è abituato va in frantumi quando, dopo l’arresto di un’ex componente del suo gruppo pacifista, Shepard indaga ferocemente sul suo passato e scopre la sua vera identità. Grant è costretto a lasciare la propria casa e la propria figlia, affidandola in custodia al fratello, per sfuggire alla polizia federale, che lo cerca e lo manca sempre per un soffio. Sheperd, invece, arriva sempre prima di tutti a intuire la verità, a capire il vero motivo della fuga di Grant: perché fugge da solo e non porta anche la figlia con sé? Scappa perché sa di essere colpevole o per paura di non essere creduto innocente?

La regola del silenzio (The company you keep) è un thriller avvincente nonostante qualche sbavatura: le esigenze della storia, sembra, si potevano racchiudere anche in meno di 117 minuti e sembra superfluo tirare in ballo il Vietnam, lasciando intuire che potrebbe essere l’argomento-perno della vicenda. Non è il protagonista della storia, e dato che il fulcro rimane l’esito della fuga di Grant, ogni pretesto – anche un gigante MacGuffin – sarebbe stato accettabile. Sarebbe stato forse più accettabile, più avvincente. La sbavatura più evidente, però, è nei tempi e nel modo in cui Sheperd (LaBeuf poteva metterci un po’ di espressività in più) scopre le vere ragioni di Grant. Se la trama non si esaurisce in quel momento, e se il finale riserva una prevedibile sorpresa, sarebbe stato meglio posticipare quel momento e guidare lo spettatore alla scoperta. Non è una garanzia, ma avrebbe potuto capirlo da sé e apprezzare di più l’esito del film. Ho già pubblicato quest’articolo su Cinema4stelle

3 pensieri su “La regola del silenzio – Robert Redford, 2012

Commenti? :)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...