The Possession – Ole Bornedal, 2012

“Te l’avevo detto di lavarti i denti!”

Em, una ragazzina che sta vivendo il divorzio dei genitori, compra una scatola di legno a un mercatino di fortuna e ne diventa ossessionata. Il suo comportamento diventa suscettibile di continui sbalzi finchè tutta la famiglia si rende conto che uno spirito maligno dev’essersi impossessato di lei: il padre sempre più dedito al lavoro, la madre che ha già un nuovo compagno e la sorella poco più grande di lei.

Quando le anticipazioni presentano con molto entusiasmo un film il cui produttore e il cui regista hanno in precedenza diretto dei bei film, rimanere delusi è ancora più fastidioso. L’horror è un genere difficilissimo, come anche la commedia romantica, e ci vuole un’idea davvero originale per sfuggire a tutti gli stereotipi del genere. A niente valgono diciture come “basato su una storia vera”, nemmeno se a dirtelo sono Sam Raimi e Ole Bornedal, perchè i filmini amatoriali restano sempre più inquietanti – reali o fiction che siano. Alien non è basato su una storia vera, ma è inquietante comunque.
The Possession è appunto basato su una storia vera, ma non è inquietante. Se si associa la bellezza di un horror al ribrezzo che si può provare quando un esercito di falene esce dalla bocca di una bambina o quando una faccia viene deformata da una forza misteriosa, allora questo film non è male: ma gli effetti speciali non bastano, se non sono un gingillo talmente nuovo da catturare tutta l’attenzione disponibile, come potevano esserlo per King Kong. È sempre crudele paragonare un film appena uscito a un classico o un precursore, ma l’accostamento si rende necessario perchè è meritato. The Possession è infatti lo stereotipo di un film sull’esorcismo dove,una volta tanto, ci sono gli ebrei e non i cattolici. La riflessione sulla famiglia, sui genitori che devono restare uniti per non perdere la figlia, è affrontata in maniera un po’ superficiale ed è soprattutto spiegata, piuttosto che mostrata.

Gli eventi che servono a caratterizzare i personaggi sono scontati e a volte si prova anche imbarazzo nel guardarli, come nell’indimenticabile scena in cui la sorella di Em cerca di ballare nel garage. I dialoghi sono spesso stucchevoli o involontariamente comici: «Ti senti bene?», immancabilmente rivolto al personaggio di turno in preda a spasmi e gemiti. L’evento più scontato in assoluto è però riservato al finale, che taceremo per chi non avesse timore di andare a vedere The Possession. E non perchè è un film horror…

A breve la recensione di questo film su Cinema4Stelle. Al cinema dal 18 ottobre.

Un pensiero su “The Possession – Ole Bornedal, 2012

Commenti? :)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...